Un piccolo passo, un grande sogno

Come abbiamo aiutato una giovane coppia di genitori ad aprire una palestra in Romagna

Introduzione

Vanessa e Alessandro sono innamorati dello sport  e nella vita sono i genitori di una bellissima bambina. Quando si sono rivolti a noi venivano da realtà diverse, ma con la passione in comune per il fitness.

Tenevano lezioni in palestra per guadagnarsi da vivere e si allenavano con determinazione per il piacere di farlo. Il loro sogno era creare uno spazio di allenamento che avesse la loro impronta, dove si respirasse un’energia particolare, ma per ora restava un sogno.

Sin dai primi momenti ho ascoltato la loro storia professionale e personale perché mi piace aiutare i professionisti del settore a realizzare i loro sogni, a prescindere dal mio ruolo commerciale.

La storia di Alessandro D’Angelo

Alessandro è un vero appassionato di pesistica: ha studiato in FIPE ed è un professionista in gamba in grado di aiutare le persone ad ottenere risultati.

Come accade a tanti ragazzi appassionati di fitness, anche lui prova la magnifica esperienza di trasformare il divertimento in lavoro.

Quando sai fare bene una cosa, ti diverti a farla e ottieni risultati, il passo che ti porta a trovare qualcuno disposto a pagarti è più breve di quanto si possa immaginare.

Così incomincia a lavorare in palestra al soldo di diversi imprenditori laziali.

Ma come in tutte le favole c’è sempre il bosco oscuro, il nemico cattivo, la terra desolata da affrontare. Nel caso di Alessandro la zona d’ombra è quella che attraversano molti giovani professionisti: retribuzioni basse, contratti atipici e scarsa regolamentazione contrattuale.

Chi lavora nel settore sportivo sa di cosa parlo. Così quando Alessandro conosce la sua compagna Vanessa, con un’esperienza in palestra simile alla sua, nasce in loro la voglia di crescere a livello professionale e fare un salto verso l’indipendenza.

Decidono di trasferirsi insieme nella zona d’origine di Vanessa, la Romagna, e aprire la loro palestra.

La sfida di diventare imprenditore

Per un giovane trainer che decide di aprire un’impresa – piccola, come uno studio di personal training o una fitness boutique, o grande che sia – la sfida è insita proprio nella parola “impresa”. 

In Italia tenere aperta una partita IVA per più di 3 anni rappresenta una sfida colossale.

Si tratta di attraversare le colonne d’Ercole di una burocrazia impantanata in una selva di norme non sempre chiare. Norme spesso diverse da zona a zona e interpretate da pigri funzionari.

E poi occorre tenere conto del cambio di mentalità: da appassionato insegnante e coach a titolare ed (necessariamente) esperto di marketing. Se 20 anni fa bastava (per modo di dire) allestire una bella palestra, aprire le porte e aspettare le iscrizioni, ora questo non basta più.

Vanessa e Alessandro dopo aver parlato con noi hanno capito l’importanza delle competenze imprenditoriali e che la prima cosa da fare sarebbe stata quella di costruire un sistema capace di attirare i clienti. Perché oggi per esaltare le competenze tecniche e gli spazi di allenamento occorre anche saper comunicare (i punti forza) e costruire canali di comunicazione (brand, carta, sito web, social).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 833x520px-victoria-articolo-1.jpg

Partire con il piede giusto

Alessandro e Vanessa, certi della reputazione del brand, ci hanno contattato per ricevere un preventivo, così da confrontarlo con quello di altre aziende, ma nel confronto hanno subito colto la differenza del nostro approccio di ascolto e di partnership.

Siamo subito andati oltre il preventivo e abbiamo iniziato ad analizzare il progetto, esaltando i punti di forza e individuando i punti deboli prima ancora di posare la prima pietra.

Dalla prima telefonata avevo intuito che potevamo veramente dare loro una mano a realizzare il loro sogno.

La sfida di Victory Project

I fondatori di Victory Project avevano le idee chiare su come impostare la loro palestra dal punto di vista dell’allenamento e quindi l’attrezzatura necessaria, ma per fare le cose al meglio avevano bisogno di:

  • Un supporto nella valutazione dei locali.
  • Una formazione di alto livello nel marketing del fitness.
  • Una consulenza per la creazione del loro brand e del logo.

Le soluzione che abbiamo fornito:

  1. Un consulente esperto li ha accompagnati nella fase preliminare di valutazione dei locali per la palestra.
  2. Grazie ad Emanuele Gollinucci ideatore del metodo Trifit System, partner di Xenios USA, hanno approfondito le tematiche del marketing del fitness e dell’allenamento di gruppo personalizzato.
  3. Dall’idea del brand si è giunti, grazie ad un designer specializzato nel mondo fitness, allo sviluppo del logo.

Tutto stava per crollare

E poi, come in tutte le favole, vi è stato un momento buio. Il punto non è non commettere errori, ma come l’organizzazione ha reagito. Così, quando per pochi centimetri il rig non poteva essere fissato correttamente alla parete a causa del bordo di alluminio di una finestra che era sfuggito alle valutazioni preventive, l’azienda ha risposto velocemente chiedendo al reparto produzione di creare su misura quel pezzo. Nel giro di qualche giorno si è risolto tutto per il meglio!

E vissero felici e clienti

Victory Project è un gioiellino di functional boutique nel centro di Santarcangelo di Romagna.

In Xenios lo consideriamo anche un ottimo esempio di come si possa realizzare qualcosa di veramente accogliente e funzionale anche con budget limitati.

Realizza il tuo sogno

Piacerebbe anche a te diventare un imprenditore del settore fitness e partire al meglio?

https://www.xeniosusa.com/it/contacts/

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Table of Contents

On Key

Related Posts

Podcast #3: Consigli da master trainer.

Intervista a Igor Castiglia, organizzatore dell’annuale evento “Funzioni in Azione” e Master Trainer Internazionale. Nel terzo episodio di Allenamento Funzionale toccheremo vari argomenti insieme ad

Allenamento al femminile

L’allenamento perfetto: le 3 condizioni base per ottenere i massimi risultati  Se chiedete ad una donna di qualsiasi età il suo obiettivo in palestra, il