L’evoluzione della specie

Dalla Fitness Boutique alla Functional Boutique.

Prima di addentrarci nel mondo delle Functional Boutique, definiamo il concetto di Fitness Boutique o Boutique Gym. 

Le Fitness Boutique rappresentano un nuovo modo (ormai nemmeno tanto nuovo poiché negli Stati Uniti se ne aprono da oltre 10 anni) di intendere lo spazio per allenarsi. Questo concept si distingue dalla classica palestra generalista di ampie metrature poiché, invece di proporre ai clienti decine di attività motorie diversificate (della serie di tutto un po’), introduce l’idea di una proposta unica di alta qualità.

La Fitness Boutique, al contrario della palestra, si caratterizza per gli spazi di piccole e medie dimensioni, nei quali l’elemento che la fa da padrone è costituito dal concetto di specializzazione.

Specializzazione contro approccio generalista

Secondo Susan Freeman, la specializzazione è la qualità principale che consente alle imprese di diventare grandi nelle nicchie di mercato e questa definizione calza a pennello e conferma perfettamente il successo del metodo delle fitness boutique nel mondo dell’allenamento.

“Non importa di cosa o di chi stiamo parlando, dai film ai chiropratici ai libri ai consulenti finanziari, i clienti vogliono la specializzazione” S. Freeman

Questa brama per la specializzazione si estende anche al mondo del fitness ed è una delle forze primarie che alimentano le attrattive e la crescita delle Fitness Boutique.

Le persone non vogliono frequentare un posto stereotipato e conosciuto da tutti come la classica palestra stile Globo Gym, dove a ogni esigenza si trova la risposta tutto per tutti, ovvero la completa generalizzazione che equivale a nulla di veramente buono per la gente.

Sala pesi, sala cardio, sala per le più svariate attività di gruppo, il tutto condito da un marketing aggressivo e prezzi all’osso. Un’offerta troppo banale, forse vecchia, per clienti sempre più informati e alla ricerca di novità. 

L’esperienza emotiva del cliente fa la differenza

Le Fitness Boutique sono palestre (anche se il termine sarebbe meglio evitarlo poiché ci riporta alla sorpassata idea di wellness center) di piccole dimensioni nelle quali si svolge solo un tipo preciso di attività motoria. Gli standard qualitativi sono molto alti, e i risultati si ottengono mettendo il cliente al centro dell’allenamento e soprattutto prestando attenzione al suo mondo emotivo, non solo a quello prestazionale.

Il salto di paradigma fra Globo Gym e Boutique si può spiegare come il passaggio dall’affitto di uno spazio nel quale il cliente può trovare tutto quello che potrebbe servirgli per stare in forma – anche se non sa bene cosa gli serva – ad un servizio dedicato al raggiungimento dei propri obiettivi attraverso una disciplina specifica, calibrata su di lui.

La palestra tradizionale prevede di approntare un menù i cui piatti pre-confezionati vengono somministrati in base ai gusti presunti del cliente. Nelle Functional Boutique gli ingredienti esclusivi e di qualità si utilizzano per cucinare un banchetto il cui scopo è l’esperienza del momento: unica, irripetibile e integrata alle caratteristiche psicofisiche della persona.

Functional Boutique: non solo luci soffuse, dj e musica a palla.

La Functional Boutique rappresenta una declinazione delle Boutique Gym in cui l’attività specialistica è rappresentata dall’allenamento funzionale.

 Ha una dimensione che va dai 90 ai 500 mq. di sala per l’allenamento, mentre gli spazi non produttivi sono ridotti al minimo. In questi tempi particolari di emergenze e prescrizioni, le strutture con accesso diretto a zone esterne all’aperto, pubbliche o private, hanno sicuramente avuto vantaggi.

L’elemento specializzazione è fornito dalla naturale semplicità del metodo d’allenamento e i punti di forza di queste Boutique del benessere sono:

·        la rigorosa e competente applicazione dei principi dell’allenamento funzionale;

·        il lavoro di gruppo (non inteso come una delle tante versioni di group exercise, ma con l’intento di creare una vera tribù di persone che trovano il piacere di stare insieme e allenarsi sostenendosi a vicenda);

·        una proposta economica differente dai tradizionali abbonamenti annuali.

·        Un metodo di lavoro integrato nel quale marketing, accoglienza, vendita e allenamento siano pensate per la miglior esperienza che il cliente possa vivere.

Per concludere condivido una citazione del libro in cui per la prima volta in Italia appare il termine Functional Boutique:

“Se vuoi essere efficace, devi creare un metodo che non dipenda dalle persone. Occorre un procedimento che integri attività di vendita, marketing, organizzazione ed erogazione del servizio, da mettere in opera con criteri sistematici in vista del più importante degli obiettivi di business: creare profitto in maniera etica ed ecologica.”

Dal libro Trifit System – Piccola struttura, grandi profitti.
La rivoluzione nel fitness

Francesco Perticari

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Table of Contents

On Key

Related Posts

Podcast #3: Consigli da master trainer.

Intervista a Igor Castiglia, organizzatore dell’annuale evento “Funzioni in Azione” e Master Trainer Internazionale. Nel terzo episodio di Allenamento Funzionale toccheremo vari argomenti insieme ad

Allenamento al femminile

L’allenamento perfetto: le 3 condizioni base per ottenere i massimi risultati  Se chiedete ad una donna di qualsiasi età il suo obiettivo in palestra, il